Medicina del sonno, un questionario scientifico per misurare i disturbi

Comunicato stampa

15.03.2018

Pneumologi, neurologi e psicologi Maugeri hanno messo a punto un nuovo strumento adottato nei 10 centri in tutt Italia. Visite gratuite in occasione della Giornata Mondiale del Sonno

“Le capita di gridare senza motivo? Di piangere? Di essere in apprensione per quello che può succedere? Di non riuscire a concentrarsi? Le accade di avere un forte bisogno di muovere le gambe durante il giorno quando le capita di stare fermo a lungo?”. 

Sono alcune delle 17 domande con cui si misurano gli effetti dei disturbi del sonno nei 10 centri Maugeri dedicati a questa recente branca medica, a cavallo fra la pneumologia e la neurologia, e che si avvale anche delle competenze dei fisiatri e degli psicologi
Si tratta di un nuovo questionario, frutto di una ricerca multidisciplinare,  e denominato Maugeri Sleep Quality and Distress Inventory, ossia Inventario della qualità e dei disturbi del sonno, e presentato alla comunità scientifica lo scorso anno, attraverso una pubblicazione della relativa ricerca sulla rivista scientifica PLOS.
“Un formulario messo a punto col concorso di pneumologi, neurologi, psicologi, bioingegneri prevalentemente Maugeri (i centri di Pavia, Veruno-No e Tradate-Va) ma anche San Raffaele, Mondino e Cnr”, spiega Francesco Fanfulla, pneumologo e responsabile del centro di Medicina del sonno dell’IRCCS Maugeri di Pavia, “che attraverso 17 domande, punta a misurare l’impatto del buono o cattivo sonno a livello psicologico. Rendendo misurabile l’impatto del disturbo e l’efficacia, expost, del lavoro terapeutico”.
Il questionario chiede appunto al paziente di raccontare particolari situazioni o anche stati d’animo che prova durante il sonno o al risveglio.
Il lavoro è frutto dell’esperienza ormai trentennale della Maugeri. Quella di Alberto Braghiroli, che ha cominciato a occuparsi di disturbi del sonno all’IRCCS Veruno di Novara nel 1987, e che è uno degli autori del questionario, quindi quella dello stesso Fanfulla, che ha iniziato nel 1995, e che oggi dirige il centro dell’IRCCS Pavia, dove ci si occupa di disturbi respiratori, come le apnee ostruttive; le parasonnie (sonnambulismo, pavor nocturnus ossia il terrore notturno), i disturbi motori (movimenti automatici, digragnamenti, dondolamenti nei bambini), i disturbi del ritmo circadiano (disallineamenti sonno-veglia) e l’insonnia. 

Il network del Sonno
La Maugeri ha costruito la più grande rete di centri dedicati a questa branca medica. Col sistema hub e spoke, ossia del perno e dei raggi, dalla sede principale di Pavia si irradiano Veruno (No), Lumezzane (Bs), Tradate (Va), Telese (Bn), Cassano (Ba), Marina di Ginosa (Ta) e Sciacca (Ag), e, ultima arrivata, l'ICS Maugeri di via Clefi.  
Rete del sonno che, sabato 17 marzo, sabato, per celebrare la Giornata Mondiale, che cade domani16, aprirà i propri ambulatori alla cittadinanza offrendo uno screening gratuito (prenotazioni al numero verde 800 909646).
Alberto Braghiroli, pneumologo dell'IRCCS Veruno (No)