Disfagia nella riabilitazione post-ictus

Comunicato stampa

23.05.2017

Seminario ECM organizzato dall'IRCCS Maugeri di Lissone (Mb) il 26 maggio a Monza
  La disfagia, ossia il disturbo delle deglutizione, è una delle possibili conseguenze dell’ictus e ha ripercussioni negative sulla gestione della fase acuta del paziente, incrementando il rischio di disidratazione, di malnutrizione e di infezioni polmonari, come la polmonite ab igestis, che si sviluppo per l'ingresso di frammenti di alimenti nella zona bronchiale.  A questa complicanza, che caratterizza la fase successiva all'ictus, è dedicato un seminario di aggiornamento ECM (Educazione continua in Medicina) che si svolgerà venerdì 26 maggio a Monza.
A organizzarlo, l'IRCCS Maugeri di Lissone (Mb), con la direzione scientifica di Giorgio Ferriero, direttore scientifico dell'Istituto stesso. Con lui, interveranno Elena Giovannazzi, fisiatra, e direttore sanitario dell'Istituto, con altri medici della struttura e dei maggiori ospedali del territorio, come il San Gerardo di Monza e l'Ospedale di Desio (Mb). "Inoltre la disfagia da stroke", dice Ferriero, "è frequentemente associata ad un allungamento dei tempi di ricovero ospedaliero, ad un elevato rischio di istituzionalizzazione e ad un possibile minore recupero riabilitativo. L’evento affronta il tema della presa in carico riabilitativa della disfagia nello stroke nei diversi momenti che il paziente incontra nel suo percorso rieducativo, dalle prime fasi nei reparti di medicina intensiva, alla degenza in riabilitazione intensiva sino al trattamento in regime ambulatoriale". L’incontro è gratuito previa iscrizione tramite invio della scheda di adesione, per per 100 specialisti delle seguenti categorie: Medico Chirurgo (Medicina fisica e Riabilitazione, Neurologia, Geriatria, Medicina Generale), Farmacista, Dietista, Infermiere, Logopedista. 
Per info e iscrizioni: tel. 0461 824326 o email segreteria@orikata.it 

Il depliant è scaricabile nell'allegato sottostante o consultabile  QUI

 

--

Scarica allegato (.pdf, 475 KB)