Premio "Inno alla vita" a Silvia Priori

03.12.2012

Un riconoscimento all’attività decennale gratuita dell’Istituto di Pavia nel campo della diagnosi e cura delle malattie cardiache genetiche ereditarie, in particolare in favore di piccoli pazienti stranieri che non possono accedere a tali esami e terapie nel loro paese  
C’era anche l’IRCCS Fondazione Maugeri lunedì 2 Dicembre, al Museo della Scienza e della Tecnologia a Milano, in occasione della prima edizione del Premio Internazionale Madre Teresa di Calcutta “Inno alla Vita” promosso e organizzato dall’Associazione scientifico-umanitaria “Ali Spahia”, un riconoscimento dato all'impegno sociale di Fondazioni e Personalità nel campo della scienza, della cultura e dell’imprenditoria che con il loro contributo migliorano sensibilmente la vita di categorie sociali disagiate.
La Prof. Silvia Priori, Direttore Scientifico Centrale di Fondazione Maugeri, Responsabile della Cardiologia Molecolare e Riabilitativa dell’Istituto,  Professor of Medicine e Director del Cardiovascular genetic program presso la New York University ha ricevuto, infatti, il premio “Inno alla Vita” per l’attività clinica e scientifica svolta, con il pieno supporto dell’Istituto scientifico di Pavia, in favore di famiglie con bambini cardiopatici e in particolare con malattie cardiache di origine genetica.
Sono qualche centinaio i bambini e ragazzi provenienti da tutto il mondo in particolare da paesi dell’Est Europa, Medio Oriente e Oriente che negli ultimi 15 anni hanno avuto il supporto dello staff della Cardiologia Molecolare nella diagnosi di aritmie genetiche.
I test genetici, necessari in questi casi per capire le cause alla base della patologia cardiaca, sono sempre stati forniti gratuitamente dall’Istituto di Pavia. L’expertise accumulata negli anni dai cardiologi pavesi si è inoltre concretizzata in un Centro di formazione per medici provenienti da tutto il mondo (in particolare Iran, Australia, Canada, Cina) che imparano  a gestire i pazienti, spesso molto giovani, colpiti da aritmie genetiche, anche fatali se non diagnosticate in tempo.